23 and Beyond the Infinite

OBIETTIVO NON RAGGIUNTO
1050,00 €

 RACCOLTI
80,00 € da 8 backers

23 and Beyond the Infinite

Neo-psychedelia – Benevento (BN)

TRE ETICHETTE PER IL “PROSSIMO VIAGGIO” DEI 23 & BEYOND THE INFINITE
A febbraio vedrà luce l’atteso lavoro discografico dei 23 & Beyond the Infinite, registrato quest’estate al VDSS studio di Frosinone – quartier generale della “Miacamerettarecord” – per mano di Filippo dei Flying Vaginas che, ne ha curato anche la produzione artistica. Continua

Il progetto

Ascolti

Video


Biografia di 23 and Beyond the Infinite

Il 23 maggio 2012 quattro ragazzi della provincia di Benevento decidono di intraprendere un tortuoso viaggio per attraversare l’infinito. Il loro personale infinito. “Titolo”: 23 AND BEYOND THE INFINITE. Nelle valigie soltanto le forti ispirazioni del post-punk e del primo shoegaze. Dopo un primo anno di travagli e cambiamenti, a settembre del 2013 il progetto si consolida con una formazione rinnovata che imbocca definitivamente sonorità psichedeliche. A febbraio del 2014 esce “DUMBO GETS DRUNK”, un EP di quattro tracce, dove alla prima ispirazione psichedelica confluiscono soggettive influenze sperimentali e noise. Il lavoro introduce quello che sarà il primo album full-lenght della band. A dicembre del 2014 infatti, esce “FACES FROM THE ANCIENT GALLERY”. Grazie all’ottimo riscontro che ottengono entrambe le produzioni la band comincia a portare in giro il progetto per festival e locali Italiani; nell’autunno del 2015 partono le prime date all’estero, dove la band condivide il palco con band della scena psych dello spessore di: THE TELESCOPES, VIBRAVOID, THE MYRRORS, GO!ZLLA.

 

Dicono di questo album:

“Un viaggio che dura per tutto il disco, dove le canzoni sono solo delle accelerazioni o decelerazioni e mai delle tappe o delle fermate” (Rockit)

“La ricerca continua del movimento in prospettiva di sofisticazione e manipolazione del suono: questa risulta la chiave vincente della band campana” (Sons of marketing)

“In questo Faces From The Ancient Gallery percorrono un viaggio a ritroso da sonorità più moderne andando via via più indietro a riscoprire suoni, riff e assoli molto anni ’60” (Rock of ages)

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Commenti


Utilizziamo i cookie per rendere migliore la tua esperienza di navigazione sul nostro sito. Continuando con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Il sito inoltre fa uso di contenuti multimediali di terze parti la cui fruizione necessita del consenso esplicito ai relativi cookie tramite il pulsante 'Accetto'. Leggi l'informativa completa.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi